Testata

La teoria del complotto , Memor-Ex




"In questo nostro mondo malato di menzogna, il complotto è l'unica cosa sicuramente vera".

5 dicembre 2016

Maurizio De Paola


[ ... ]

1

Sono in amicizia faccialibresca con Maurizio De Paola [ 1 ] da parecchio tempo, e ne apprezzo il quotidiano e smaliziato disincanto sulla società liquida in regime democratico ...

Come sostenevo nel mio ultimo post – “Metatesto” [ 2 ] – arrivati al parossismo di una Realtà irrimediabilmente meticciata di sostanza concreta e virtuale, scritta e sovrascritta più volte e su più livelli di contenuto e gerarchia di audience, distribuita su scala di massa e con processi automatici abilmente ingegnerizzati, non rimane che prendere atto della situazione e considerare la lettura tra le righe come probo comportamento individuale di default senza – lo ripeto – l'ambizione mistica di raggiungere una verità ( = realtà ) assoluta impossibile da toccare con mano, ma con l'obiettivo minimo della ( ri-)costruzione di sé nella vigile sopravvivenza;
{ al livello più basso di audience è possibile attuare una resistenza ai metatesti informativi mainstream, ma è bene avere la consapevolezza che si tratta dell'ennesima ri-scrittura di un modello di Realtà virtuale da adattare pazientemente alla Realtà concreta, processo impossibile da ultimare stante i limiti fisiologici degli Homo }.

Metatesto


metatesto

me·ta·tè·sto/
sostantivo maschile

Testo che accoglie al suo interno parti di altri testi o che vi allude ripetutamente.

Origine

Der. di testo, col pref. meta- •2002.

Google


Metatesto

Metatesto, insieme a prototesto, è un concetto coniato dallo studioso slovacco Anton Popovič riferendosi, in traduzione, al testo tradotto, la meta a cui deve giungere ogni processo traduttivo. Peeter Torop riprende il concetto di metatesto e lo amplia ulteriormente.

Wikipedia


1

Ora.
Potete credere che nel regime democratico ( non è un ossimoro se si considera lo stato delle “democrazie occidentali” ) in cui viviamo esiste la libertà di stampa cioè che i “giornalisti” possano scrivere ciò che pensano secondo intelletto e coscienza su testate provviste di un Padrone palese od occulto e di un “direttore responsabile” che trasmette le direttive politiche della proprietà ai sottoposti e sorveglia l'adempimento della traduzione negli articoli pubblicati, ma, secondo me, questa ipotesi è più irrealistica dell'esistenza di tribù di gnomi nei boschi che cantano e bevono felici, ed usano macchine magiche;

oppure potete considerare come dato preliminare nella fruizione dei mass media stipendiati la creazione di un metatesto informativo strumentale a vari scopi ordinati e distribuito secondo criteri industriali, e fare lo sforzo di decrittare le informazioni diffuse;
{ l'unica area davvero libera è ( ancóra ) quella sociale nel www;
qua sopra, leggete le prime due definizioni che ho trovato googlando “metatesto” e mi fermo a queste, siccome sono complementari e concatenate offrono una definizione generale che per il momento mi è soddisfacente }.

Blogger , numeri




Il rank globale della piattaforma Blogger in data odierna, calcolato da Alexa [ 1 ] con la combinazione di visitatori giornalieri e numero di pagine viste.



Storia

Blogger nasce il 23 agosto del 1999 in una piccola società di San Francisco, la Pyra Labs. È proprio da questo progetto che partirà il fenomeno della blogosfera. Inizialmente Blogger rimane un progetto quasi amatoriale portato avanti dai fondatori della società più per passione che per fini commerciali. Tuttavia la celebrità del sito cresce rapidamente al pari del numero degli iscritti. Vengono progressivamente introdotte nuove funzionalità che facilitano la gestione, l'amministrazione e l'aggiornamento dei blog. Il successo d'immagine non è però sufficiente a coprire i costi di sviluppo della piattaforma che vive a cavallo del 2001 una preoccupante crisi finanziaria associata anche alla generale flessione della cosiddetta New economy. La situazione ha una svolta nel 2003 quando la società viene acquistata da Google. Sotto la nuova gestione Blogger è stato integrato all'interno degli altri servizi offerti da Google, inoltre è stata rimossa ogni forma di pubblicità forzata. Nel corso del 2006 la piattaforma è stata profondamente rinnovata aggiungendo funzioni per la personalizzazione delle pagine, l'uso dei tag e annullando i tempi di aggiornamento dei database.

Si stima che Blogger ospiti tra i 15 ed i 20 milioni di Blog [ senza fonte ].

Wikipedia


1

Ma come se la passa la storica piattaforma Blogger [ 2 ] sulla quale ho allocato questo mio blog 11 anni fa, ed ancóra oggi risiede su server gestiti da Google ( dal 2003 ) [ 3 , 4 ] ?

In generale, qual'è la situazione generale dei blog, nel www che oggi è dominato dai social net [ 5 ] ?

I dati statistici sulla frequentazione della blogosfera e sul giro d'affari particolari e complessivi sono frammentari e spesso non aggiornati, e questo mio post è solo un appunto per ricordarmi di aggregare dati mano a mano che li rintraccerò nella rete.
 

Blogger , template gratuiti






Alcuni dei template [ 1 ] scaricabili da Gooyaabi Templates.



1

Avete un blog Blogger, desiderate cambiare l'aspetto e l'impostazione delle pagine ma non avete voglia di imparare l'XHTML [ 2 ] e di programmare un template da zero ?
{ nel caso vogliate capire qualcosa del codice, potete partire da qui : “Understanding the blogger template - 1” [ 3 ] }.
Nel sito Gooyaabi Templates [ 4 , 5 ] trovate circa 1.600 modelli gratuiti ( vedi il paragrafo 3 di questo post per la definizione di “gratuito” ) ed eleganti da scaricare, installare ed eventualmente modificare a vostro piacimento ( e nulla hanno da invidiare ai tanto rinomati modelli WordPress ) : [ 6 ];

cambiare il template è un'operazione semplice, ma consiglio di fare esperimenti su un blog di prova ( ogni utente ne può aprire fino a 100 );
{ magari scriverò un post su come aprire un blog in Blogger }. 


Blogger , casella di ricerca




La configurazione della Casella di ricerca, fino al 28/09.



La Casella di ricerca nella spalla di questo blog.


Entro il 29 settembre 2016, il gadget Casella di ricerca su questo blog fornirà solo risultati di ricerca provenienti dallo stesso blog. I risultati di ricerca provenienti da pagine collegate tramite link nei post, dal Web o dai gadget Elenco blog ed Elenco di link non saranno più forniti.
Blogger


1

Qualche giorno fa, Blogger ha lanciato questo annuncio nella dashboard ( “cruscotto” nel gergo comune [ 1 ] ma “pagina principale del pannello di controllo di un sito” in ambito informatico [ 2 ] ) e nelle subordinate a disposizione degli amministratori di blog;

la Casella di ricerca è uno dei 27 gadget di base che si possono scegliere per arricchire di funzioni la pagina del blog : entrati nella dashboard, si clicca su Layout nel menu di spalla ( a sinistra ) e poi su uno dei bottoni Aggiungi gadget ( nella sezione della pagina in cui si vuole aggiungere lo strumento ), quindi viene aperta una finestra pop-up con le liste di gadget ( Base, Altri gadget, Aggiungi il tuo ); per trovare il gadget di Google Casella di ricerca non c'è bisogno di smanettare, perché è nella lista dei basilari che viene mostrata di default.  

Cesare Battisti




Ritratto di Cesare Battisti ( 1916 ), acquaforte e mezzatinta di Luigi Bonazza con versi di Giovanni Bertacchi; battuto all'asta il 16 novembre 2012 per 150 € [ 1 ].



Il documentario “Cesare Battisti. L'ultima fotografia” [ 2 ].



1

Al documentario sono arrivato qualche settimana fa ( e lo consiglio, è davvero ben fatto ), riguardando il video di Giorgio Vitali dedicato a Mario Monti sul canale-YT Accademia della Libertà [ 3 , 4 ] in cui l'autore mostra e intercala nel discorso i tirapiedi che eseguirono il supplizio del martire irredentista Cesare Battisti [ 5 ] : giornalista, storico, geografo ed antropogeografo, attivista politico e deputato socialista nel parlamento asburgico, lottò in politica e in armi per i diritti dei cittadini austriaci di madrelingua italiana;

combatté in prima linea come ufficiale del Regio Esercito Italiano sul fronte trentino nella Prima Guerra Mondiale [ 6 ], fu fatto prigioniero durante un assalto al Monte Corno di Vallarsa ( ribattezzato alla sua memoria Monte Corno Battisti ) [ 7 ] e quindi impiccato assieme a Fabio Filzi [ 8 ] nel Castello del Buonconsiglio della natia Trento, per mano del boia Josef Lang e dei suoi collaboratori;
sarebbe un eroe nazionale ( se 0039 fosse anche una nazione ) ma quasi nessuno degli “italiani” sa chi sia quest'uomo, sebbene gli siano intitolate strade e piazze in tutta la penisola ed anche a 051 [ 9 ] tale toponomastica è sopravvissuta al revisionismo del regime democratico e degli amministratori rossi ( non ebbe tempo, Battisti, di vedere il fascismo ed eventualmente di aderirvi );
il 12 luglio scorso è stato il 100° anniversario della morte di Battisti per mano del boia di Vienna [ 10 ].

Dux


Di Canio e il “dux” tatuato: mettetegli una camicia

L’ex calciatore in onda nella sua rubrica sulla Premier in maniche corte col tatuaggio del duce

Aggiornamento: Dopo le polemiche sul tatuaggio dell’ex calciatore Paolo Di Canio comparso durante la rubrica Di Canio Premier Show, Sky e il conduttore avrebbero deciso – di comune accordo – di sospendere la collaborazione.

Non è il primo giorno che Paolo Di Canio si vede in tv. Da quest’anno, però, il suo volto sarà ancora più in evidenza: dopo i commenti su Fox Sports arriva nelle emittenti sportive targate Sky.

[ ... ]

Nei giorni scorsi ha condotto un Facebook Live (ora rimosso) legato alla sua trasmissione a maniche corte, con l’ormai noto tatuaggio dux in bella vista sul bicipite destro.

[ ... ]

Parliamoci chiaramente: l’ex giocatore di Lazio, Napoli, Juventus e Milan ha provato a fare un passo in avanti. E a portare i suoi saluti fascisti dal campo al social network. In altre parole, ha tentato di sdoganare quel tatuaggio, e con esso il suo passato ed evidentemente il suo presente, le sue idee politiche (politiche?) di cui non ha mai fatto mistero (pur tentando, quando spinto dalle diverse società, di dissociarsene), le apologie di fascismo nella sua autobiografia e un altro tatuaggio che speriamo eviti di mostrarci in diretta tv: un Mussolini con l’elmetto sulla schiena con tanto di aquila imperiale che regge un fascio littorio. Non manca proprio nulla dell’armamentario dei peggiori anni del nostro Paese.

Wired ITA


Alba Parietti contro Paolo Di Canio: "Un ignorante, Sky ha fatto bene"

Alba Parietti commenta il licenziamento di Paolo Di Canio da Sky.

[ ... ]

Anche Alba Parietti ha detto la sua sul caso, direttamente dai microfoni della trasmissione radiofonica La Zanzara. La showgirl è convinta che Sky abbia fatto bene ad interrompere la collaborazione e non risparmia giudizi sul comportamento dell'ex campione della Lazio:

Sky ha fatto bene, Di Canio ha fatto apologia di fascismo. Come minimo è un cretino. Ma non sa nemmeno quello che dice e quello che pensa. Dice le prime cazzate che gli escono dalla testa e se le fa tatuare. Di Canio è un ignorante, uno molto ignorante. Se uno è un personaggio pubblico non si può presentare in quel modo. Tu puoi anche essere un ammiratore del Duce ma il braccio non lo esibisci, in più nel passato ha fatto pure il saluto romano. Ha fatto un sacco di cazzate e non sa di cosa parla.

Gossip Blog


1

Dal “giornalista” che sul sito di un organo ufficiale della società liquida [ 1 ] annichilisce decenni di crescita e traguardi, testimoniati in tutti i campi dell'agire umano, con la didascalia pre-stampata dei “peggiori anni del nostro Paese”, alla radical chic di lungo corso che sbraita alla trasmissione radiofonica La Zanzara [ 2 ] abbiamo l'ennesimo quadretto di cosa è, oggi, 0039 ( che qualche romantico si ostina a definire “Italia”, mentre, ora più che mai, è solo un toponimo geografico ). 


La bestia







1

Questa jena mannara di nome Gnoll ( 2015 ) sembra vestire i panni di un soldato romano, e poi ... qualcosa è andato storto;

è stata creata dall'artista brasiliano Daniel Garcia ( dsgarcia ) [ 1 ] e postata sul social per i creativi grafici Game Artisans [ 2 ].

Bookmark and Share

Muratore e gentiluomo


Il costruttore-eroe di Amatrice: "Per paura del terremoto ho fatto sempre case solide"

Saro Rubei ha 88 anni e vive nell'agriturismo dove le scosse hanno fatto crollare soltanto alcuni vasi. "Dopo il sisma non vado in paese perché mi fa troppo male, ma la gente viene a ringraziarmi per gli edifici fatti da me che li hanno salvati".

AMATRICE - "Niente, nemmeno una crepa. Si è rotto giusto qualche vaso". Mercoledì 24 agosto all'alba gli ospiti dell'agriturismo Amatrice abbracciavano e ringraziavano Saro, che ha costruito con le sue mani quella che un tempo era una stalla a un chilometro dal paese e oggi è una delle strutture che meglio hanno resistito al terremoto. Poi, con il passare delle ore, sono arrivati anche gli abitanti delle altre case tirate su da lui, tutti per dirgli che gli ha salvato la vita. Saro Rubei ha 88 anni e almeno due o tre vite da raccontare. Figlio di una grande famiglia matriarcale di Amatrice, ha fatto il macellaio, coltivato la sua grande passione per gli animali, in particolare i cavalli, e poi è diventato costruttore di case. Oggi porta avanti con la moglie il suo agriturismo. Risponde alle domande dopo aver dato da mangiare alle sue galline.

la Repubblica


1

Apprendevo da Lorenzo, e leggevo la discussione tra lui – il pragmatico – e il romantico cantore delle abilità di Homo e dell'ambiente agreste UUIC [ 1 ];

l'eroe è una persona comune che si staglia sullo scenario della tragedia, e nell'azione scopre e/o verifica qualità umane sopra la media.

Cosa succede in città # 3


Quando spacchi un blocco di marmo ottieni due blocchetti di marmo. Ma se continui a spaccare, il marmo diventa polvere di calcare, se contini arrivi agli atomi di calcio e carbonio.

Lo scopo del Piano è la riduzione della resistenza all'asservimento. Avere due, tre, quattro comunità in guerra tra loro è una cosa utile per le conquiste a grana grossa, tipo il "divide et impera" della sottomissione dei Celti. Ma per la assimilazione a grana fine devi frantumare la materia umana a livello degli USA dove ogni singola persona è un ghetto.

La ragione è che fintanto che le persone si identificano in una comunità, hanno una qualche resistenza all'asservimento alla Macchina. Bisogna togliergli qualsiasi riferimento esterno, in modo che ognuno sia una monade, un universo singolo, detto "individuo", che dipende completamente dalla Macchina per esistere sia nello spirito che nel corpo.

A quel punto la persona è un componente (consumabile) della Macchina.

Questa visione apocalittica si accorda perfettamente con il mondo per come lo immaginano i pagliacci della "sinistra", ovvero l'umanità degli "individui uguali", dei "diversi uguali". Chiunque deve essere qualsiasi cosa e niente nello stesso tempo. Il "niente" è il minimo comune denominatore e lo stato più facile da raggiungere, demolendo tutto quello che esiste e che è esistito, tabula rasa.

Che la Macchina lavori per le elite apolidi o per il Partito/Stato alla fine non fa differenza. Che la Macchina fabbrichi furbofoni o sommergibili nucleari è uguale.

Lorenzo


[ ... ]

1

Ripropongo questo commento magistrale di Lorenzo the Last Crusader Celsi [ 1 ] sul blog di UnUomoInCammino [ 2 ];

l'uomo-ghetto è lo stato evolutivo – ? – dell'Homo occidentale, e forse il punto di arrivo designato per l'umanità intera.

Bookmark and Share